Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce.

GARR, Cosa offriamo, Formazione, Sicurezza, Approfondimenti

Nelle crisi, ciò che conta è la squadra

Nelle crisi, ciò che conta è la squadra

Durante l’emergenza sanitaria per Covid-19, GARR ha trovato nuovi modi per supportare la comunità della ricerca e dell’istruzione in Italia, fortemente colpita dalle misure di lockdown imposte su tutto il paese.

Durante questi mesi, GARR ha sviluppato degli strumenti che saranno mantenuti e potenziati anche in futuro.

Vediamoli insieme:

  • Pronto mi senti? I sistemi di videoconferenza

    All’indomani dell’annuncio della chiusura del paese è parso subito evidente l’aumentato bisogno di strumenti per la videoconferenza. Per questo, GARR ha aderito all’iniziativa iorestoacasa.work, lanciata dai un team di sviluppatori di Fabriano per offrire una soluzione gratuita e open source di videoconferenze aperta a tutti, mettendo a disposizione server e sviluppatori. Così, GARR offre due piattaforme open source (OpenMeet e EduMeet), che vanno ad affiancarsi ai servizi di videocomunicazione già offerti agli utenti dell'università e della ricerca, WebMeetings e Vconf.

    Oltre a condividere risorse in un contesto di solidarietà digitale, GARR ha stilato un promemoria con i 10 consigli per avere una buona videoconferenza

  • La sicurezza, prima di tutto

    Per molti, nella comunità della ricerca e dell’istruzione, il periodo della quarantena ha coinciso con un periodo di smartworking.
    Per questo, il team GARR-CERT ha voluto aumentare la consapevolezza della cybersecurity anche in ambiente domestico, spesso meno protetto dalle minacce informatiche.

    Tra le attività organizzate, il team ha stilato un promemoria delle misure base per rendere più sicuro il proprio lavoro da remoto oltre a tenere dei corsi online dedicati alla sicurezza a tutti i livelli, da quello più tecnico (servizio SCARR), a quello sulla sicurezza informatica per ruoli di leadership, a quelli dedicati alla comunità delle scuole.

  • A tutto webinar!

    Veri protagonisti del lockdown, i webinar hanno popolato il calendario di molti di noi, trasformando le limitazioni della mobilità in un’occasione di aggiornamento. GARR ha contribuito con delle opportunità formative dedicate al coding (corsi di Python), alla cybersecurity, alla didattica a distanza e alle risorse open source per renderla possibile (OER, Moodle, strumenti per la comunicazione online), alle risorse Cloud GARR e alla didattica musicale a distanza. Una serie di appuntamenti che hanno lasciato il segno e che rimangono fruibili online per la comunità sulla piattaforma Learning GARR, GARR TV e sul canale Youtube GARR.

    GARR inoltre partecipa all’iniziativa di Sos Digitale, associazione nata con lo scopo di superare le barriere digitali durante la crisi del COVID-19 e particolarmente rivolta alla scuola. In questo ambito, vengono organizzati webinar pubblici a cui partecipano insegnati e rappresentanti del mondo dell’istruzione e dove si affrontano temi che spaziano dagli strumenti digitali per la didattica, alle tecniche di comunicare efficacemente online, all’open source e alla connettività delle scuole.

    Rivedi i webinar

    Comunicazione efficace online
    Python base
    Servizi Cloud GARR
    Strumenti per comunicare
    Rete GARR
    Sicurezza per DAD
    DAD
    Python per data science
    Sicurezza per leadership
    Risorse Educative Aperte

    logo GARR.tv Scopri gli altri webinar su GARR.tv

  • Parola d’ordine: collaborazione

    Questo periodo ha rafforzato ancor di più la convinzione che un approccio collaborativo possa fare la differenza all’interno di una comunità. Un esempio di ciò è lo spirito che si è creato all’interno di GARR Lab, un “laboratorio” che riunisce utenti della rete GARR, uniti dalla voglia di fare squadra, condividendo buone pratiche e studiando problemi comuni in modo dar rendere la comunità dell’istruzione e della ricerca più coesa e resiliente. Da questa sinergia non possiamo che aspettarci interessanti novità per il futuro...Stay tuned!