• News e Eventi
  • San Servolo, prima isola veneziana in fibra ottica con la rete della ricerca GARR

GARR, News, Rete

San Servolo

San Servolo, prima isola veneziana in fibra ottica con la rete della ricerca GARR

A Venezia, la collaborazione virtuosa tra mondo accademico e istituzioni culturali porta la connessione ad alta velocità all’isola di San Servolo. Nei prossimi mesi sarà connesso anche il Lido di Venezia

Grazie alla lungimiranza di più enti che hanno messo insieme le proprie risorse, San Servolo è la prima isola della Laguna di Venezia ad essere raggiunta dalla fibra ottica della rete GARR, l’infrastruttura a banda ultra larga che connette il mondo dell’istruzione e della ricerca.

Il risultato è stato raggiunto grazie alla collaborazione tra Venice International University, Università Ca’ Foscari, Accademia delle Belle Arti di Venezia e San Servolo - Servizi metropolitani di Venezia, società posseduta al 100% dalla Città metropolitana di Venezia.

Da oggi l’isola può disporre di una connettività fino a 1 Gbps, grazie alla realizzazione di collegamento in fibra ottica di 12 km, pari alla distanza che divide l’isola dal nodo della rete GARR presso la sede centrale dell’Università Ca’ Foscari.

Per i docenti e gli studenti che frequentano l’isola si tratta di un vero e proprio ponte digitale che permette di comunicare e scambiare dati con il resto del mondo in maniera più semplice e veloce e di rafforzare la forte vocazione internazionale dell’isola, grazie all’interconnessione con la rete GARR e le reti della ricerca mondiali. Videoconferenze in altissima definizione, controllo software da remoto, applicazioni multimediali, servizi federati a livello internazionale come eduroam per la gestione dell’accesso al wifi o IDEM e eduGAIN per la gestione delle identità digitali: sono questi i primi concreti benefici che le istituzioni sull’isola e i propri utenti potranno da subito sperimentare attraverso l’accesso in fibra alla rete e ai servizi GARR.

“Per il GARR è fondamentale riuscire a soddisfare le esigenze dei propri utenti. Aver portato la fibra ottica a San Servolo e averla connessa alle altre reti della ricerca mondiali è sicuramente un traguardo prestigioso, vista la dimensione internazionale delle istituzioni che hanno sede qui” ha dichiarato Claudia Battista, coordinatore del Dipartimento Network del GARR. “Sul territorio veneziano abbiamo una lunga collaborazione con il Comune e le università e questo rappresenta un esempio virtuoso di utilizzo delle risorse pubbliche che ha portato beneficio non solo alla comunità della ricerca ma anche ai cittadini.”

L’isola di San Servolo ospita oggi diverse istituzioni sul suo piccolo territorio: la Venice International University (VIU), centro internazionale di formazione avanzata e ricerca; una sede dell’Accademia delle Belle Arti Venezia con la sua Scuola di Nuove Tecnologie per l’Arte (NTA); il Collegio Internazionale dell’Università Ca’ Foscari e la società San Servolo - Servizi metropolitani di Venezia che ospita eventi culturali e spazi museali.

Il collegamento dell’isola di San Servolo è un risultato molto importante reso possibile dalla collaborazione storica tra GARR, Comune di Venezia e le Università Ca’ Foscari e IUAV. Tale collaborazione ha portato, fin dal 2010, all’accordo per l’interconnessione tra la rete metropolitana cittadina e la rete GARR, a beneficio delle molte istituzioni di ricerca e cultura presenti sul territorio veneziano. La crescita della collaborazione nel tempo ha portato alla realizzazione di nuovi nodi della rete GARR e una maggiore capillarità dell’infrastruttura.

Il prossimo passo, che si inquadra in questa stretta sinergia, sarà il collegamento in fibra ottica alla rete GARR del Lido di Venezia che ospita la sede dell’IRCCS Ospedale San Camillo e il Palazzo del Cinema, sede di importanti convegni di carattere scientifico e culturale. Il collegamento è in fase di attivazione e sarà disponibile già nei prossimi mesi.

Questo sito utilizza i cookie per fornire servizi.
Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.