Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce.

  • News e Eventi
  • Didattica online: come cambia il traffico sulla rete

GARR, Università, News, Rete

Didattica online

Didattica online: come cambia il traffico sulla rete

Come cambia il traffico sulla rete ai tempi del coronavirus? I primi effetti del boom di lezioni online negli atenei italiani mostrano un'inversione nelle direttrici di traffico.

I flussi in upload superano spesso quelli in download e la qualità della connessione non ne risente minimamente. È questo il vantaggio di avere una rete perfettamente simmetrica.

Tutti gli atenei italiani sono impegnati nella difficile riorganizzazione della didattica, ma si son fatti trovare pronti grazie alla disponibilità di personale tecnicamente preparato e di infrastrutture digitali performanti. L'accesso da remoto degli studenti agli streaming video delle lezioni e ai vari contenuti disponibili online, ha generato nell'ultima settimana un aumento del traffico in upload sulla rete GARR pari al 60% rispetto alla media annuale.
Evidenziamo in particolare alcuni risultati di atenei che hanno registrato numeri importanti: Politecnico di Torino (+183% di traffico in upload rispetto alla media annuale e con picchi di oltre 3 Gbps), Università di Milano (+185%), Università di Siena (+231%), Università di Trieste (+185%) e poi ancora le Università di Torino, Firenze, Verona, Padova, Palermo, Parma, Pisa e la Cattolica di Milano.